Banner

News Internazionali

 

NEWS E ATTUALITA' 

News e Attualità 

Riviste 

Press Center 

Blog

Social Media 

 

I NOSTRI PROGRAMMI 

I nostri programmi 

 

LE NOSTRE CAUSE 

Le nostre cause  

Il nostro Territorio

Per visualizzare il Territorio in cui opera il RC Sarnico e Val Cavallina, clicca sugli allegati (pdf 1 - pdf 2).

 

Ultimo evento di Club

Bollettino n. 9 – 8 Gennaio 2018

 


 

 

Lunedì 8 gennaio con la Conviviale che si è svolta presso il Ristorante “il Vigneto” di Grumello del Monte sono riprese le attività del Rotary Sarnico – Valcavallina per l’anno 2018.

 

Come di consueto l’anno trascorso si è concluso con la Festa degli Auguri di Natale che si è svolta a Villa Acquaroli la sera dell’11 Dicembre 2017 e che ha visto la partecipazione di quasi tutti i soci del Club, in una fredda serata riscaldata dallo spirito Rotariano e dall’atmosfera natalizia.

Siamo stati ospiti di Irma e Fabio Acquaroli che hanno organizzato la serata nella splendida cornice della location di Carvico dove non è mancato l’intrattenimento musicale e la tradizionale tombola.

 

Anno nuovo, nuove conviviali e nuove attività del Club, a partire appunto dalla sera dell’8 Gennaio:

 

Gradito ospite della serata è stato il geometra Valerio Bettoni, ex Presidente dell’Amministrazione provinciale di Bergamo che - dopo la presentazione da parte della Presidente Carla Rota e dopo la relazione tenuta dalla socia Cristina Bettoni – ha proposto ai Soci un’attività particolare (descritta in seguito) da svolgersi in giugno.

 

Ospite e relatrice della serata è stata la nostra Socia prof.ssa Cristina Bettoni che ha tenuto la relazione dal titolo: “La Comunione dei Santi. Dall’Alto Medioevo all’Illuminismo: i Santi taumaturghi”.

Si è trattato di un rapido excursus sulle varie forme di culto che, fin dal Cristianesimo delle origini, i credenti di questa nuova, rivoluzionaria, Religione hanno tributato dopo la morte ai “migliori” tra loro, simboli da imitare e di cui chiedere la protezione nelle difficoltà della vita, e cioè i Santi, molti dei quali testimoni della fede fino al martirio.

Nei primi secoli del passaggio delle popolazioni italiane ed europee dalle religioni preesistenti al Cristianesimo, unica religione che ha nel proprio bagaglio di fede l’idea della Resurrezione dei corpi, la presenza tra i vivi dei trapassati in attesa del destino finale (paradiso – inferno) è vissuta come reale: da qui le numerose “visioni” dei trapassati da parte dei vivi e la sintonia che viene stabilita tra loro: la Comunione dei Santi.

 

Intorno al Mille poi prende consistenza l’idea del Purgatorio come luogo fisso dove i defunti vengono collocati fra vari tormenti suscettibili di diminuzione nel tempo e in intensità attraverso le preghiere e le donazioni dei vivi, mentre coloro che hanno vissuto la fede in modo eroico godono direttamente della visione di Dio.

A questi i fedeli viventi si rivolgono per mediazioni con l’Onnipotente per ottenerne protezione contro le guerre, le carestie e i pericoli in genere, ma soprattutto contro le malattie. E’ proprio su questi che si focalizza la relazione della Bettoni, che la illustra con fotografie relative a rappresentazioni pittoriche o sculture reperite nelle chiese della zona Sebino–Camuna.

Ritratti nel totale rispetto dell’iconografia, pur con diverso effetto a seconda dell’abilità dell’artista, vengono presentati nell’ordine: Santa Apollonia, Santa Lucia, San Sebastiano e San Rocco, quest’ultimo protettore contro la peste, le cui sembianze sono ritratte quasi in ogni paese del nostro territorio che è stato interessato dalle gravi epidemie succedutesi dal XIV al XVII secolo.

 

Diverso è il discorso sul (Beato? Santo?) Simonino da Trento, un bambino di tre anni trovato morto in quella città il sabato Santo del 1475. Le tracce di tortura sul suo corpo e la mutilazione del pene indussero gli abitanti ad indicare come probabili aguzzini gli ebrei di un gruppo familiare di suoi vicini di casa che furono ingiustamente giustiziati. Il popolo lo acclamò Santo, ma il piccolo non subì il processo canonico regolare per la santificazione, ciò nonostante la sua figura compare in moltissime chiese dell’area Sebino-Camuna perché le particolari modalità della sua uccisione fecero sì che diventasse presto protettore contro una nuova e terribile malattia contagiosa che alla fine del ‘400 si era sparsa con incredibile rapidità in Europa: la sifilide.

Le ultime due ondate di peste in Lombardia (1577 e 1630, quest’ultima descritta magistralmente dal Manzoni) fecero iscrivere tra i taumaturghi contro questo terribile morbo contagioso anche l’Arcivescovo di Milano, San Carlo Borromeo, cui si ascrive il miracolo di aver fatto cessare la peste del 1557.

Dopo la ricomparsa iconografica del tema della morte e dei “novissimi” (morte, giudizio, inferno e paradiso) su cui si era basata la ripresa della religiosità stimolata dal Concilio di Trento, l’avanzare della scienza e in particolare della medicina, rende meno presenti nel quotidiano queste figure di Santi e la fede in loro viene via via sostituita dalla fiducia nella scienza medica.

 

L’arte però continua a produrre capolavori non solo con intento religioso, ma anche profano. Nei musei e nelle raccolte private sono ancora presenti, fino ai primi decenni del XX secolo, dipinti e sculture di santi trasfigurati divenuti dei simboli di bellezza: ne è un esempio tipico San Sebastiano che, da rude soldato romano martire della persecuzione di Diocleziano, viene trasformato in bellissimo giovane efebo per il godimento estetico dei committenti. Nel 1911 sul testo in francese di Gabriele D’Annunzio, (Le martyre de Saint Sebastien) Claude Debussy gli dedicherà un componimento musicale.

 

Dopo la relazione sui Santi è stata la volta della presentazione di un’interessante proposta di viaggio che il presidente Valerio Bettoni propone ai vari club Rotary della bergamasca: un viaggio di tipo particolare che si svolgerà dal 5 al 9 giugno sul percorso Bergamo-Praga     e verrà effettuato sia con auto d’epoca costruite entro il 31 dicembre 1981 che con auto Ferrari e altri marchi prestigiosi con una tradizione sportiva. Per maggiori informazioni visitare il sito www.bergamo.aci.it

 

L’omaggio consueto che il nostro Club riserva ai relatori e il tocco della campana hanno chiuso l’interessante serata

 


 

Rinnovo Accordo di Collaborazione Con Comunità Per Minori Di Sorisole (Bg) “Don Lorenzo Milani” – Patronato San Vincenzo

Il giorno 29.09.2014 a Borgonato (Bs) presso Palazzo Lana Berlucchi, è stato rinnovato l’Accordo di Collaborazione volontaria e gratuita fra il Rotary Club Sarnico e Valle Cavallina, rappresentato dal suo Presidente pro-tempore (2014/2015), Umberto Romano, e don Fausto Resmini, direttore della Comunità per Minori di Sorisole "don Lorenzo Milani" con sede presso il Patronato S. Vincenzo in via Madonna dei Campi, 38 - 24010 Sorisole (BG), ciascuno a ciò appositamente autorizzato in nome e per conto dei rispettivi Enti, in forza delle deliberazioni dei rispettivi organi esecutivi.

L’Accordo ha per oggetto la disponibilità da parte del Rotary Club Sarnico e Val Cavallina (con la collaborazione degli altri club sostenitori: RC Bergamo Nord, RC Treviglio, RC Romano Lombardia e RC Dalmine Centenario) a fornire prestazioni di consulenza orientativa specialistica a favore della Comunità per Minori di Sorisole secondo le richieste rivolte, quando ritenuto necessario, da parte dell'Ente stesso. Il Rotary Club Sarnico e Valle Cavallina e gli altri Clubs sostenitori hanno infatti tra i soci tanti con professionalità specifica e adeguata alla funzione di consulenza e orientamento a favore delle persone in condizioni di disagio sociale ed economico.

Con il rinnovo dell’Accordo, il Rotary Club Sarnico e Valle Cavallina e la Comunità per Minori di Sorisole si impegnano reciprocamente ad ospitare, a titolo gratuito, sui propri portali web, i loro banner di riferimento per illustrare le forme di collaborazione avviate nel settore sociale e culturale.

 

dedicarsi alla
PORTALE COMUNITA' "DON MILANI"

 

 

 

 

Progetto comunicazione

Anche per l'anno rotariano 2016/2017 obiettivo rimane sempre quello di “avvicinare” il più possibile il Rotary al territorio in cui opera, incrementando i rapporti di collaborazione con le Istituzioni locali. In linea con questo filo conduttore, è stato già rinnovato il protocollo d’intesa (firmato la prima volta il 12 dicember 2011) che prevede una collaborazione tra il nostro Club ed il Consorzio Servizi Val Cavallina, con estensione anche al territorio della Comunità Montana dei Laghi.
Attraverso questo progetto, il Consorzio si impegna ad ospitare a titolo gratuito sui propri portali istituzionali e turistici il banner di riferimento del Rotary Club, con una web page di rimando e illustrazione delle forme di collaborazione avviate con il sodalizio nel settore sociale e culturale. Da parte sua, il Rotary Club Sarnico e Valle Cavallina si impegna, secondo il principio di reciprocità, ad ospitare a titolo gratuito sul proprio portale istituzionale il banner di riferimento del Consorzio Servizi Val Cavallina e del relativo portale istituzionale e turistico sul proprio sito web istituzionale, con una web page di rimando e illustrazione delle forme di collaborazione avviate con il sodalizio nel settore sociale e culturale. Intendimento di questo progetto è quello di promuovere il territorio e la conoscenza dei grandi progetti del Rotary.




PORTALE ISTITUZIONALE

PORTALE TERRITORIALE

 

invalcavallina

PORTALE TURISTICO

 


Prossimi eventi di Club

 

Martedì 30 Gennaio ore 20:00

Palazzo Colleoni - Cortenuova (BG)

Interclub con il Romano di Lombardia

Relatore Notaio Luosi: Libertà del testatore o donatore e diritti degli eredi

Serata aperta a coniugi e amici

 

Lunedì 12 Febbraio - ore 20:00

Ristorane "Il Vigneto"

L'intestino ci nutre e ci difende: cosa fare per mantenerlo in salute

Relatore: dott.ssa Manzotti

Serata aperta a coniugi e amici

 

Lunedì 19 Febbraio - ore 20:00

Golf Club “L’Albenza”

Argomento da definire

Relatore: dott.ssa Giovanna Mangili

Serata aperta a coniugi e amici

 

Venerdì 23 Febbraio - ore 20:00

Aula Magna Centro Salesiano “Don Bosco”

Via Zanovello 1, Treviglio

Rotary Day - Evento Distrettuale

Proiezione DVD 'Fantozzi'

Serata aperta a coniugi e amici

Archivio Eventi di Club »




<<  Dicembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031


Area Riservata



Espandi / Chiudi


Bollettini

Per visualizzare i bollettini devi accedere all'area riservata con nome utente e password. Puoi farlo attraverso il box qui sopra 'Area Riservata' oppure attraverso questa pagina